Attualità Regionale e Nazionale

Foto Articolo MOTTOLA - Potrebbe tornare tutto come prima. La Comunità Montana della Murgia Tarantina potrebbe tornare attiva. Una recente sentenza della Corte Costituzionale, su ricorso dalla Regione Veneto, sancisce che la competenza in materia di scioglimento della Comunità Montane non spetta al Governo, bensì alle Regioni. Poichè fu la Finanziaria a decidere per la cancellazione di quegli enti che vennero ritenuti uno spreco di denaro pubblico dopo l’uscita del noto libro-denuncia “La Casta”, il provvedimento non risulta valido. Anche la CMMT entrò nel calderole degli enti da sciogliere e l’ufficialità ci fu l’8 gennaio 2009.

Venne nominato il commissario liquidatore e dagli uffici il lavoro è andato avanti verso lo scioglimento. Sono stati cioè redatti i conti economici. Recentemente è stata anche bandita la gara per la vendita dell’auto di servizio. Ma tutto potrebbe essere stato inutile perchè la CMMT potrebbe tornare a funzionare, con gli stessi organi che l’hanno retta fino a gennaio. Dalla segreteria generale è partita una istanza al presidente della Regione perchè chiarisca la situazione e soprattutto perchè stabilisca a chi compete riattivare l’ente che, per legge, non può rimanere senza organi.

(C) Tarantosera.com