La pandemia ha avuto una serie di gravosi risvolti sui più giovani infondendo in loro un diffuso senso di angoscia e paura per il futuro. Importante è moltiplicare i linguaggi, mettere in comunicazione esperienze significative e renderle generative tenendo vivo il confronto educativo, incentivare lo scambio di pratiche sensate ed efficaci per cercare di includere tutti. Fondamentale la costruzione di una cultura della cura: delle relazioni reciproche, degli spazi che si abitano, degli equilibri del pianeta.

Per tutto questo, grazie alle ambiziose azioni sinergiche e alle strategie attuate con i dirigenti scolastici e i docenti referenti, sono state create occasioni di incontro sia all'interno delle classi (nel pieno rispetto delle più stringenti norme di sicurezza in atto), che attraverso metodologie innovative e didattica a distanza. Nel corso dei circa 200 appuntamenti, agli studenti è stata data l'occasione di eleggere i propri rappresentanti per i nuovi Consigli Scolastici dei Ragazzi.

In un momento di scarse occasioni di incontro e partecipazione, i ragazzi e le ragazze, i bambini e le bambine di Brindisi, sono al centro di un percorso educativo che li vede protagonisti e responsabili del proprio futuro come cittadini attivi all'interno delle scuole, dei quartieri e della città intera.

Alla chiusura imposta dalle norme di sicurezza anti Covid-19, gli alunni rispondono in modo sorprendente, guardando fiduciosi al futuro Consiglio Comunale dei Ragazzi. Lanciano sfide e idee rivolte a costruire insieme una città che per loro, ad oggi, è quasi esclusivamente immaginata. Infatti, per quanto le future generazioni siano al centro delle attenzioni degli adulti, la percezione che i ragazzi hanno è che a Brindisi siano scarse le opportunità e le occasioni di crescita, scambio o svago per i più giovani. Avvertono inoltre una forte responsabilità educativa nei confronti dei cittadini adulti.

Le proposte raccolte sono spunti per la campagna elettorale del CSR e del CCR e toccano gli ambiti più disparati: dalla cura e manutenzione degli spazi comuni, alle campagne di sensibilizzazione contro l'inquinamento; dalla “Settimana dello studente”, all'apertura verso l'Europa con i progetti Erasmus e l'Agenda 2030; dalla tutela degli animali domestici, agli orti scolastici, agli spazi per la lettura nelle scuole e nei quartieri; dai cineforum, ai concerti, ai tornei sportivi. Non mancano numerose proposte per una scuola e una città “più tecnologica” e la richiesta di spazi dedicati esclusivamente ai ragazzi.

Il lavoro educativo svolto dal Servizio “La Città dei Ragazzi” in questo particolare anno scolastico si è ben integrato con i nuovi percorsi dell’insegnamento dell’Educazione Civica all’interno delle scuole. L’esperienza degli ultimi dieci anni di Consiglio Comunale dei Ragazzi porta a riflettere su quanto un semplice strumento di cittadinanza possa portare bambini, ragazzi e famiglie a elaborare proposte in vari ambiti e a renderle operative nella quotidianità di una vita spesa anche al servizio della comunità in cui si vive.

Con i prossimi passi in programma si entra nel vivo della campagna elettorale per le elezioni dei Consigli Scolastici dei Ragazzi e, successivamente, del nuovo Consiglio Comunale dei Ragazzi di Brindisi.

 

Proposta logo lista elezioni csr

Pin It

cerca