WOSH: L’APP CHE DIGITALIZZA E MIGLIORA I SERVIZI DELLE LAVANDERIE

Nata grazie al Bando PIN della Regione Puglia, dopo un anno ha già depositato un brevetto ed è pronta per essere lanciata sul mercato



Lecce - A un anno di distanza dal “via” ha già depositato un brevetto ed è pronta per essere lanciata sul mercato: è WOSH, un'app mobile che digitalizza il processo di gestione e fruizione delle lavanderie artigianali, assicurando una maggiore tracciabilità degli abiti che vengono consegnati.


WOSH è un progetto dell’azienda Leccese Futura Srls, costituita a giugno 2020 grazie al finanziamento del bando PIN - Pugliesi Innovativi della Regione Puglia. Figlio di un’idea di due fratelli, Stefano e Fabio, cresciuti nella storica lavanderia di famiglia, WOSH coniuga la loro esperienza nel settore con gli studi ingegneristici di Stefano e la passione per la tecnologia di Fabio, accettando la sfida di dotare le piccole realtà artigianali di strumenti digitali orientati al miglioramento di quei servizi essenziali in una società sempre più connessa.


Nello specifico, WOSH si pone l’obiettivo di favorire l'automazione dei principali servizi offerti dalle lavanderie artigianali, digitalizzando il sistema di ricezione ed evasione degli ordini e consentendo al cliente di monitorare lo stato di lavorazione dell’indumento attraverso un’applicazione mobile, limitando il periodo di giacenza dei capi e ottimizzando le modalità di interazione attraverso notifiche push in real-time, eludendo il rischio di smarrire gli abiti. Il progetto è cresciuto in corso d’opera, andando oltre i deliverable inizialmente previsti con l’Integrazione di funzionalità atte a potenziare le prestazioni della piattaforma quali: il servizio di ritiro veloce che permette ai clienti di pianificare orario e data del ritiro in lavanderia degli indumenti pronti, la funzione “Urgenze” che consente di richiedere una maggiore priorità nella lavorazione di uno o più indumenti; lato backend invece sono stati integrati grafici e tabelle utili al gestore della lavanderie a monitorare in maniera semplice e veloce lo stato delle lavorazioni previste, il reporting di quelle pregresse e l’andamento dei ricavi.


È stata inoltre già avviata un’azione di potenziamento della brand awareness con la creazione di una landing page dedicata.

Quanto sviluppato con il progetto WOSH è stato oggetto di brevetto per invenzione industriale presentato in data 19 Marzo 2021, a circa un anno dalla fondazione della società; il brevetto oltre a proteggere quelle che sono le principali novità tecnologiche proposte da WOSH, pone le fondamenta per gli sviluppi futuri.

La startup innovativa WOSH è nata all’interno dell’Incubatore The Qube, che da anni favorisce la digitalizzazione aziendale grazie ai suoi servizi di marketing digitale, sviluppo di portali web e realizzazione di corsi di formazione mirati allo sviluppo di competenze specifiche. A ciò si affianca il processo di accelerazione e incubazione rivolto a team informali, startup e PMI che intendono valorizzare le proprie idee di business, realizzato monitorando e gestendo la candidatura dei progetti a call Regionali, Ministeriali ed Europee. Dal 2017, The Qube gestisce e promuove servizi di coworking con il brand “MOLO 12 Coworking & Maker Space” a Lecce, presso la Mediateca Polifunzionale delle Officine Cantelmo e dal 2019 a Brindisi, presso il bellissimo Palazzo Guerrieri. Nel 2020 The Qube ha raccolto oltre 2 milioni di euro a supporto dell’ecosistema imprenditoriale, contribuendo alla nascita di oltre 15 nuove realtà disseminate in tutto il territorio Nazionale.

Wosh è presente sui social e sul sito www.wosh.it.
Pin It

cerca