A definire la classifica attraverso gli assaggi alla cieca è stata la giuria tecnica della terza edizione di “Divina Colomba”, composta da professionisti del settore come il presidente di giuria Giambattista Montanari e Antonio Daloiso, Eustachio Sapone, Francesco Borioli, Beniamino Bazzoli, Vincenzo Faiella e Rocco Calciano, che hanno avuto il compito di degustare le colombe finaliste e valutarle sulla base del rispetto del disciplinare (Decreto 22 luglio 2005 Disciplina della produzione e della vendita di taluni prodotti dolciari da forno. GU n. 177 del 1-8-2005) e del regolamento del concorso, che prevede l’utilizzo esclusivamente di lievito madre e canditi senza anidride solforosa e proibisce l’uso di conservanti, emulsionanti, mono e di gliceridi, oltre a coloranti o aromi artifi­ciali.

Premiati anche un lievitato per ogni categoria dalla giuria popolare, che ha selezionato quello di Lorenzo La Medica del Panificio Mulara (Barrafranca – En) come “Miglior Colomba Tradizionale”, quello di Antonio Caputo Pasticcere (Altamura – Ba) come “Miglior Colomba Creativa”.

La finale presso l’Hotel Excelsior di Bari si è svolta a porte chiuse nel rispetto delle disposizioni governative per il contenimento del contagio da Covid-19, ma per garantire la trasparenza del contest, tutte le fasi di degustazione da parte delle giurie sono state trasmesse sulla pagina Facebook ufficiale del concorso, consentendo a tutti i finalisti e al pubblico di partecipare attraverso i social per tutto il corso della diretta.

 “Divina Colomba” vanta, la partnership di numerosi sponsor leader internazionali, fra i quali Agrimontana, Bombonette, Dolci Tentazioni, Il Granaio delle Idee, Vaniglia Gourmet, Dimarno Group e Eurovo Service. Tutte le informazioni sul contest sono sul sito www.goloasi.it e sulla pagina Facebook Divina Colomba.

Pin It

cerca