Carissimi utenti, anche oggi vi proponiamo un dolce natalizio pugliese, così friabile e croccante da essere stato associato alla carta, da cui sembra abbia derivato anche il nome. Di origini medievali, le carteddate sono entrate di diritto nel novero dei dolci tradizionali migliori!

INGREDIENTI:

500 g di farina bianca

20 g di lievito di birra

miele

cannella

moscato dolce (o altro vino dolce o liquore, come l'anice)

olio

sale

 

PREPARAZIONE:

 

Stemperate il lievito in poca acqua tiepida, cui aggiungerete anche 1 cucchiaino di zucchero. Fate un impasto con la farina, un pizzico di sale e il lievito di birra, aggiungendo olio d'oliva e moscato man mano, quanto la pasta stessa ne può assorbire, fino ad ottenere un impasto morbido che farete riposare per un paio d'ore. Stendete poi l'impasto ottenuto in una sfoglia molto sottile e ricavatene, con una rotella dentellata, delle strisce larghe 5-6 cm e lunghe 50-60 cm. Ripiegate queste strisce su se stesse, nel senso della lunghezza, in modo da farle diventare larghe la metà, ma di spessore doppio. Però non pressatele troppo, o meglio, fatelo ogni tanto,ogni 3 cm, per creare come dei punti d'appoggio, in modo che in cottura le strisce non si aprano nuovamente. Arrotolate queste doppie strisce a spirale, formandouna sorta di rose, che friggerete in abbondante olio.

Nel frattempo, scaldate abbondante miele, così che vi possiate buttare dentro le carteddate fritte per soli due minuti circa, una volta che esso abbia raggiunto l'ebollizione. Quindi spolverizzate con poca cannella e anisini.

Variante: al posto del miele potrete utilizzare anche un litro di vin cotto, scaldato con spezie a piacere (generalmente una stecca di cannella e 4 chiodi di garofano)

Fate sempre raffreddare completamente le carteddate prima di portarle in tavola!